Scopri il dizionario di Italia Affitti con i principali termini utilizzati in ambito di affitto immobiliare

Abitazione non occupata

(Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, 1991). L’abitazione non abitata da alcuna persona oppure abitata solamente da persone temporaneamente presenti che, cioè, non hanno la dimora abituale in quella abitazione alla data del censimento.

Abitazione occupata

(Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, 1991). L’abitazione in cui abitino una o più famiglie, i cui membri vi abbiano dimora abituale, anche se temporaneamente assenti alla data del censimento.

Abitazione principale

Abitazione in cui si stabilisce la propria residenza. Ai fini fiscali c’è una differenza fondamentale tra abitazione principale e non perché questa è la discriminante per ottenere le agevolazioni: Per ottenere lo sconto sulle imposte di trasferimento però non basta prendere la residenza nell’abitazione che si acquista: è necessario che chi compra non sia proprietario di nessun’altra casa, nemmeno in porzione, nel medesimo Comune, e che non sia proprietario nemmeno in porzione su tutto il territorio nazionale di un’altra casa comprata già con le agevolazioni.

Abuso edilizio

Variazione della struttura o della volumetria di un immobile non approvata dagli uffici competenti o non sanata successivamente. La presenza di abusi edilizia vieta il trasferimento dell’immobile.

Affitto in azienda

L’Azienda è il complesso unitario dei beni organizzati per l’esercizio dell’attività imprenditoriale. Per quel che riguarda la distinzione l’istituto “affitto di azienda” e l’istituto “locazione” la Cassazione, si è esprime nei seguenti termini: “Nel contratto di affitto di azienda alberghiera l’oggetto è costituito da un complesso unitario di beni, organizzati per l’esercizio dell’attività imprenditoriale, cosicché l’immobile è considerato come uno dei beni aziendali complementare agli altri, mentre nella locazione di immobile adibito ad albergo, l’oggetto del contratto è l’immobile stesso considerato nella sua specificità, con funzione prevalente rispetto ad altri beni.

Aggiornamento del canone

Art. 81 equo canone: (Pubblicazione dei dati ISTAT nella Gazzetta Ufficiale) La variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati accertate dall’ISTAT sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della repubblica italiana. NOTA: La pubblicazione del dato ISTAT mantiene una sua validità per le locazioni ad uso diverso e – per le locazioni abitative – in virtù di quanto disposto dall’art. 6, comma 6, della nuova legge sulle locazioni abitative.

Amministratore

Persona che ha il mandato di amministrare un condominio. Viene nominato per un anno dall’assemblea; la sua nomina è facoltativa quando i condomini sono quattro o meno di quattro.

Anaci

Associazione nazionale degli amministratori immobiliari.

Anama

Associazione nazionale agenti mediatori di affari. Organizzazione degli agenti immobiliari aderente a Confesercenti.

Assemblea

Organo del condominio; hanno diritto a parteciparvi tutti i condomini, indipendentemente dalle loro quote millesimali di possesso.

Asta immobiliare

Procedimento con cui un creditore mette in vendita un immobile sui cui abbia ipoteca quando il proprietario non paghi il suo debito (tipicamente le rate del mutuo).

Attico

Appartamento all’ultimo piano con ampio terrazzo. Si distingue dalla mansarda perché questa è spiovente mentre il tetto dell’attico è a copertura piatta.

Caparra

Somma versata a titolo di anticipo da chi si impegna a locare un immobile a chi intende affittare. Può essere confirmatoria, e in questo caso se recede dal contratto chi vende deve restituire il doppio a chi voleva comprare, mentre se recede chi voleva comprare la caparra resta in mano al venditore. La parte lesa però può scegliere in opzione se chiedere ugualmente l’esecuzione del contratto oppure chiedere i danni derivanti dalla mancata esecuzione del contratto. Oppure può essere penitenziale: in questo caso il meccanismo è identico a quello della caparra confirmatoria, ma la parte lesa deve accontentarsi dell’incasso della caparra e non può accampare altre

Capitolato

Descrizione dei materiali e delle finiture con cui viene realizzata una casa in costruzione.

Cartografia numerica o digitale

La versione di una carta geografica tradizionale in cui la posizione e la descrizione degli elementi sono memorizzati secondo modalità che consentono il trattamento con opportuni strumenti informatici.

Casa d’epoca

In teoria è un edificio di almeno cinquant’anni ma nato come signorile. Nella pratica l’espressione si usa anche per un palazzo vecchio ristrutturato.

Catasto

Ufficio incaricato di custodire e aggiornare le planimetrie dei fabbricati e le mappe dei terreni.

Categoria catastale

Gli edifici sono suddivisi in alcune grandi tipologie, a seconda del loro utilizzo e cioè A (abitazioni), B (edifici collettivi), C (magazzini, negozi, autorimesse), D (immobili utilizzati a scopo imprenditoria), E (immobili speciali). Nell’ambito di queste categorie sono operate ulteriori distinzioni, a seconda delle caratteristiche di pregio e di utilizzo dei vari tipi di immobile. Ad esempio, fra le abitazioni si distinguono nove categorie: con A1 si identificano gli immobili signorili, con A8 le ville e con A4 le abitazioni popolari. Ogni categoria è poi ulteriormente suddivisa in classi, che identificano la qualità e lo stato dell’immobile.

Centro abitato

La località abitata caratterizzata dalla presenza di case contigue o vicine con interposte strade, piazze e simili, o comunque brevi soluzioni di continuità, caratterizzato dall’esistenza di servizi o esercizi pubblici costituenti la condizione di una forma autonoma di vita sociale.

Cittadinanza

Il vincolo di appartenenza ad uno stato, richiesto e documentato per il godimento di diritti e l’assoggettamento a particolari oneri.

Comodato

Concessione a titolo gratuito dell’uso di un bene. In campo immobiliare si applica in genere quando si vuole ufficializzare che una casa di proprietà viene abitata da un familiare, ottenendo in questo modo vantaggi fiscali su Irpef e Ici. Due le differenze fondamentali con la locazione: 1) la gratuità del contratto; 2) la durata, che può essere interrotta non appena il legittimo proprietario intenda utilizzare per sé l’immobile.

Comune

L’entità amministrativa autarchica governata localmente dal Sindaco e dalla Giunta Comunale.

Comunicazione di cessione di fabbricato

Se tutti i casi di cessione di immobile (locazione, vendita, ecc…), aventi durata superiore ai 30 giorni, entro 48 ore dalla consegna delle chiavi il proprietario deve effettuare la comunicazione per tutti coloro che prendano possesso dell’immobile.

Concessione edilizia

L’autorizzazione onerosa alla realizzazione o trasformazione di manufatti edilizi rilasciata dal sindaco dietro presentazione di progetto.

Condominio

Edificio a proprietà divisa (cioè dove ognuno ha una sua porzione di proprietà esclusiva) dove però vi siano anche parti comuni.

Condono edilizio

Se ci sono difformità tra la planimetria originariamente depositata in catasto e quella attuale vi sono due possibilità o si tratta di semplici irregolarità formali sanabili con una semplice segnalazione in catasto o invece si tratta di irregolarità sostanziali, che violando leggi e regolamenti urbanistici andavano “sanate” mediante il condono edilizio. Non è possibile vendere una casa non condonata.

Conduttore

Nel linguaggio giuridico identifica l’inquilino.

Confedilizia

Associazione dei proprietari edilizi.

Conservatoria del registro

Ufficio dove si conservano e si aggiornano i documenti che attestano i passaggi di proprietà degli immobili.

Contratto di locazione

Art. 1571 c.c.: La locazione è un contratto con il quale una parte (c. 320) si obbliga a far godere all’altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo, verso un determinato corrispettivo ( c. 1803; att. C. 180).

Convivenza

(Censimento generale della popolazione e delle abitazioni,1991). L’insieme di persone che, senza essere legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità e simili, conducono vita in comune per motivi religiosi, di cura, di assistenza, militari, di pena e simili. Le persone addette alla convivenza per ragioni di lavoro, se vi convivono abitualmente, sono considerate membri permanenti della convivenza purché non costituiscano famiglia a sé stante. I principali tipi di convivenza possono essere così distinti: istituti d’istruzione (collegi, convitti, seminari); istituti assistenziali (per minorati fisici e psichici, orfanotrofi, brefotrofi, colonie permanenti, ospizi, case di riposo per adulti inabili ed anziani, comunità terapeutiche e di recupero, dormitori, centri di accoglienza per immigrati e simili); istituti di cura pubblici e privati; istituti di prevenzione e di pena (istituti di custodia cautelare, istituti per l’esecuzione delle pene, istituti per l’esecuzione delle misure di sicurezza, istituti di custodia cautelare per minorenni, prigioni scuola, riformatori giudiziari, istituti di rieducazione per minori); conventi, case ed istituti ecclesiastici e religiosi; caserme ed analoghe sedi, ad uso degli appartenenti alle forze armate ed altri corpi armati e assimilati, dello Stato e degli Enti locali; alberghi, pensioni, locande e simili; navi mercantili.

Cooperativa

Gruppo di soci che con pari diritti e doveri si fanno promotori di un’iniziativa imprenditoriale. In campo immobiliare formare una cooperativa significa unirsi per costruire direttamente una casa. Il numero minimo dei soci per dare vita a una cooperativa è di 18.

Corte di cassazione

(R.D. 30 gennaio 1941 n.12 e successive modificazioni). L’organo giudiziario collegiale, ha sede in Roma ed è unico per tutto lo Stato italiano. E’ articolata su sei sezioni, tre competenti in materia civile e tre in materia penale. Ha competenza in materia civile e penale e giudica, in generale, sui ricorsi avverso sentenze pronunciate in grado di appello ovvero sentenze inappellabili emesse in primo grado. La Corte di cassazione, come organo supremo della giustizia, assicura l’esatta osservanza e la uniforme interpretazione della legge, l’unità del diritto oggettivo, il rispetto dei limiti delle diverse giurisdizioni e regola i conflitti di competenza e di giurisdizione.

Cucina abitabile

È tale quando vi possono mangiare almeno 4 persone. Il locale quindi deve avere superficie non inferiore ai 10 metri quadrati. Il tinello è una cucina abitabile direttamente comunicante con una sala.

Deposito cauzionale

Somma versata a garanzia. Nella locazione la versa l’inquilino per garantire la buona conservazione della casa.

DIA

Documento redatto da un professionista abilitato che descrive i lavori di manutenzione straordinaria da effettuarsi in un immobile.

Diritto di abitazione

Vedi usufrutto.

Diritto di superficie

Diritto ad utilizzare un immobile senza però acquisire anche il possesso del terreno su cui è edificato. Dura fino a 99 anni. In pratica è come una locazione a lunghissimo termine per cui si sia versato in anticipo un canone complessivo. Per il diritto italiano infatti un edificio è posseduto da chi possiede il terreno.

Diritto di uso

Vedi usufrutto.

Esecuzione

Vendita coatta (cioè fatta per forza di legge e non per volontà del proprietario) di un immobile dato in garanzia di un debito.

Euribor

(Euro interbank offered rate) Costo del denaro per le transazioni interbancarie a breve termine, Indica il tasso a cui le banche regolano le loro transazioni in Euro. E’ di gran lunga il parametro più adoperato per calcolare le variazioni dei tassi dei mutui.

Fabbricato

La costruzione coperta da vie o spazi vuoti oppure separata da altre costruzioni mediante muri maestri che si elevano senza soluzione di continuità, dalle fondamenta al tetto; che disponga di uno o più liberi accessi alla via e possa avere una o più scale autonome.

Fabbricato non residenziale

Il fabbricato o quella parte di fabbricato destinato esclusivamente o prevalentemente ad un uso diverso da quello residenziale.

Fabbricato residenziale

Il fabbricato o quella parte di fabbricato destinato esclusivamente o prevalentemente ad abitazione per famiglie.

Famiglia

(Indagine multiscopo sulle famiglie). L’insieme delle persone coabitanti legate da vincoli di matrimonio o parentela, affinità, adozione, tutela o affettivi.

Famiglia (anagrafica)

L’insieme di persone legate da vincolo di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso Comune (anche se non sono ancora iscritte nell’anagrafe della popolazione del Comune medesimo). Una famiglia può essere costituita anche da una sola persona.

Famiglie in coabitazione

Le famiglie che dividono lo stesso alloggio.

Fiaip

Federazione italiana agenti immobiliari professionali.

Fimaa

Federazione italiana mediatori agenti d’affari. Organizzazione di categoria degli agenti immobiliari aderente a Confcommercio.

Franchising

Affiliazione commerciale. E’ un contratto con cui un’impresa concede a un’altra impresa la possibilità, in cambio di un canone, di sfruttare il suo marchio e il suo know how.

Impianti elettrici

Non è vendibile un’abitazione non in regola con la legge 46/90 sull’adeguamento degli impianti elettrici sulle norme di sicurezza. Al rogito va infatti allegata la dichiarazione di conformità dell’impresa che ha eseguito i lavori di adeguamento.

Invim

Imposta sull’incremento di valore degli immobili. Fino al 2002 chi vende un immobile di proprietà ed ha comprato prima del 31 dicembre 1992 deve pagare un imposta sulla differenza tra quanto speso al momento dell’acquisto e il valore catastale dell’immobile al 31 dicembre 1992. A parità di imponibile, la tassa colpisce più pesantemente chi ha effettuato il guadagno in minor tempo.

Ipoteca

Garanzia a fronte della quale viene erogato un prestito. Il creditore si riserva di incamerare il bene ipotecato se il debitore non paga le rate alla scadenza. Sul medesimo bene si possono iscrivere anche più ipoteche per crediti diversi e a ognuno di questi viene assegnato un numero d’ordine (grado di ipoteca). Le banche in genere accendono mutui solo contro ipoteche di primo grado.

Irpef

Imposta sui redditi delle persone fisiche. Ai fini Irpef l’abitazione fornisce un reddito pari alla rendita catastale. Se la casa è abitata direttamente dal dichiarante, si ha diritto a una detrazione di 1.800.000 lire. Se la casa non è abitata direttamente dal proprietario o dai suoi familiari, la rendita è aumentata di un terzo.

ISTAT

Art. 81 equo canone: (Pubblicazione dei dati ISTAT nella Gazzetta Ufficiale) La variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati accertate dall’ISTAT sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della repubblica italiana. NOTA: La pubblicazione del dato ISTAT mantiene una sua validità per le locazioni ad uso diverso e – per le locazioni abitative – in virtù di quanto disposto dall’art. 6, comma 6, della nuova legge sulle locazioni abitative.

Lastrico solare

E’ il termine giuridico con cui si identificano i terrazzi.

Libor

(London interbank offered rate ) Costo del denaro a breve rilevato sulla piazza di Londra. E’ un indice finanziario adoperato per calcolare le variazioni dei tassi dei mutui denominati in valute non Euro (tipicamente: il franco svizzero).

Locatore

Nel linguaggio giuridico identifica il proprietario che dà in locazione il suo immobile.

Locazione

Cessione di un immobile per un tempo determinato in cambio di un compenso (canone).

Mandato

Contratto col quale una parte si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dell’altra. Chi conferisce il mandato è il mandante, chi lo riceve è il mandatario. A differenza del mediatore, il mandatario cura solo gli interessi di una parte.

Morosità

Art. 5 c.c.: (Inadempimento del conduttore) Salvo quanto previsto dall’articolo 55, il mancato pagamento del canone decorsi venti giorni dalla scadenza prevista, ovvero il mancato pagamento, nel termine previsto, degli oneri accessori quando l’importo non pagato superi quello di due mensilità del canone, costituisce motivo di risoluzione, ai sensi dell’articolo 1455 del codice civile. Art. 55 c.c.: (Termine per il pagamento dei canoni scaduti). La morosità del conduttore nel pagamento dei canoni o degli oneri di cui all’articolo 5 può essere sanata in sede giudiziale per non più di tre volte nel corso di un quadriennio se il conduttore alla prima udienza versa l’importo dovuto per tutti i canoni scaduti e per gli oneri accessori maturati sino a tale data, maggiorato degli interessi legali e delle spese processuali liquidate in tale sede dal giudice. Ove il pagamento non avvenga in udienza, il giudice, dinanzi a comprovate condizioni di difficoltà del conduttore, può assegnare un termine non superiore a giorni novanta. In tal caso rinvia l’udienza a non oltre dieci giorni dalla scadenza del termine assegnato. La morosità può essere sanata, per non più di quattro volte complessivamente nel corso di un quadriennio, ed il termine di cui al secondo comma è di centoventi giorni, se l’inadempienza, protrattasi per non oltre due mesi, è conseguente alle precarie condizioni economiche del conduttore, insorte dopo la stipulazione del contratto e dipendenti da disoccupazione, malattie.

Multiproprietà

Acquisto del diritto all’uso di un’abitazione per un determinato periodo dell’anno. Nel sistema giuridico italiano si acquista una porzione di immobile. Nel sistema anglosassone (timesharing) si acquista invece una porzione di tempo e la gestione delle quote viene affidata a un trust.

Mutuo a tasso fisso

Mutuo con rata prefissata al momento della stipula.

Mutuo indicizzato

(o a tasso variabile) Mutuo il cui tasso varia a seconda del variare dei parametri di riferimento. Se ad esempio un mutuo è ancorato all’Euribor le rate saliranno e scenderanno proporzionalmente all’aumento e alla diminuzione del valore del tasso.

Nuda proprietà

Quello che resta del diritto di proprietà sull’immobile dopo la cessione dell’usufrutto. Il nudo proprietario non ha alcun diritto sulla casa fino alla scadenza dell’usufrutto.

Obbligazioni del conduttore

Art. 1587 c.c.: Obbligazioni principali del conduttore.
Il conduttore deve:
1. prendere in consegna la cosa e osservare la diligenza del buon padre di famiglia ( c. 1176) nel servirsene per l’uso determinato nel contratto o per l’uso che può altrimenti presumersi dalle circostanze;
2. dare il corrispettivo nei termini convenuti.

Obbligazioni del locatore

Art. 1575 c.c.: (Obbligazioni principali del locatore).
Il locatore deve:

1. consegnare al conduttore la cosa locata in buono stato di manutenzione(c. 1617);
2. Mantenerla in istato da servire all’uso convenuto (c. 1576 ss.);
3. Garantirne il pacifica godimento durante la locazione (c. 1585 ss.).

Parametro di indicizzazione

Indice finanziario che determina il tasso di un mutuo variabile.

Patti contrari alla legge

Art. 13 legge di riforma: (Patti contrari alla legge).

1. E’ nulla ogni pattuizione volta a determinare un importo del canone di locazione superiore a quello risultante dal contratto scritto e registrato.
2. Nei casi di nullità di cui al comma 1 il conduttore, con azione proponibile nel termine di sei mesi dalla riconsegna dell’immobile locato, può chiedere la restituzione delle somme corrisposte in misura superiore al canone risultante dal contratto scritto e registrato.
3. E’ nulla ogni pattuizione volta a derogare ai limiti di durata del contratto stabiliti dalla presente legge.
4. Per i contratti di cui al comma 3 dell’articolo 2 è nulla ogni pattuizione volta ad attribuire al locatore un canone superiore a quello massimo definito, per immobili aventi le medesime caratteristiche e appartenenti alle medesime tipologie, dagli accordi definiti in sede locale. Per i contratti stipulati in base al comma 1 dell’articolo 2, sono nulli, ove in contrasto con le disposizioni della presente legge, qualsiasi obbligo del conduttore nonché qualsiasi clausola o altro vantaggio economico o normativo diretti ad attribuire al locatore un canone superiore a quello contrattualmente stabilito.
5. Nei casi di nullità di cui al comma 4 il conduttore, con azione proponibile nel termine di sei mesi dalla riconsegna dell’immobile locato, può richiedere la restituzione delle somme indebitamente versate. Nei medesimi casi in cui il locatore ha preteso l’instaurazione di un rapporto di locazione di fatto, in violazione di quanto previsto dall’articolo 1, comma 4, e nel giudizio che accerta l’esistenza del contratto di locazione il pretore determina il canone dovuto, che non può eccedere quello definito ai sensi del comma dell’articolo 2 ovvero quello definito ai sensi dell’articolo 5, commi 2 e 3, nel caso il conduttore che abiti stabilmente l’alloggio per i motivi ivi regolati; nei casi di cui al presente periodo il pretore stabilisce la restituzione delle somme eventualmente eccedenti.
6. I riferimenti alla registrazione del contratto di cui alla presente legge non producono effetti se non vi è l’obbligo di registrazione del contratto stesso.

Permuta

Scambio di un bene con un altro, con pagamento in denaro delle differenza a favore di chi cede il bene di maggior valore. Quando lo scambio di abitazioni avviene tra due proprietari si pagano le imposte solo sull’abitazione di maggior valore.

Pertinenza

Porzione di fabbricato concettualmente legata all’immobile principale a causa della sua funzione accessoria, anche se dotata di autonoma rendita catastale. Ad esempio un box, una cantina o un solaio rispetto all’appartamento situato nello stesso fabbricato. Le pertinenze ai fini Irpef e imposte di trasferimento godono dello stesso trattamento applicato all’immobile principale. Quindi se si acquista un box di pertinenza a una “prima casa” si pagherà l’aliquota ridotta.

Polizza

Il documento probatorio del contratto di assicurazione.

Popolazione residente

Costituita, in ciascun Comune (e analogamente per altre ripartizioni territoriali), dalle persone aventi la propria dimora abituale nel Comune stesso. Non cessano di appartenere alla popolazione residente le persone temporaneamente dimoranti, in altro Comune o all’estero, per l’esercizio di occupazioni stagionali o per causa di durata limitata.

Prelazione

Diritto di vedersi offrire un bene prima di altri e a parità di condizioni, Si applica nelle vendite dei terreni agricoli (e quindi anche dei rustici loro pertinenze): in questo caso chi vende deve dare la preferenza al confinante. E’ prevista anche nelle locazioni commerciali quando il proprietario vende.

Prima casa

Nel linguaggio corrente è sinonimo di abitazione principale.

Prime rate ABI

Costo del denaro per i migliori clienti stabilito dall’Abi (Associazione bancaria italiana). Si adopera per il calcolo delle variazioni dei mutui.

Provvigione

Percentuale che spetta all’agente immobiliare per la sua mediazione.

Reddito da capitale

(Sistema europeo dei conti, SEC 95). I redditi ricevuti dal proprietario di un’attività finanziaria o di un bene materiale non prodotto in cambio della disponibilità di tali attività da parte di un’altra unità istituzionale.

Reddito da lavoro dipendente

(Sistema europeo dei conti, SEC 95). Il costo sostenuto dai datori di lavoro a titolo di remunerazione dell’attività prestata alle proprie dipendenze dai lavori sia manuali che intellettuali. I RDL risultano composti dalle retribuzioni lorde e dai contributi sociali effettivi e/o figurativi.

Reddito familiare netto

La somma dei redditi (salari, stipendi, proventi professionali o imprenditoriali, pensioni, indennità, rendite, sussidi, ecc.) di ciascun componente la famiglia (avente almeno 16 anni compiuti) al netto di imposte e contributi sociali.

Registrazione

Sono soggetti all’obbligo di registrazione tutti i contratti di locazione aventi durata uguale o superiore a 30 giorni.

Regolamento condominiale

Norma interna al condominio, che regola tutti quegli aspetti dell’utilizzo dei beni comuni che non siano già previsti dal codice civile e che in alcuni casi può addirittura derogare dal codice civile. Può essere di due tipi: contrattuale, quando è stato predisposto dal costruttore e la cui modifica è possibile solo con l’unanimità dei consensi; assembleare, quando è stato deciso a maggioranza dall’assemblea condominiale. L’acquisto e la locazione di un appartamento comporta l’automatica accettazione del regolamento di condominio.

Rendita catastale

Valore attribuito dal catasto a una determinata unità immobiliare. E’ la base di calcolo per le imposte che gravano sulla casa. La rendita moltiplicata per 100 diventa la base imponibile sulla quale si pagano le imposte sulla compravendita. Se al fabbricato il Catasto non ha ancora fornito la rendita (ad esempio perché si tratta di una casa nuova) si può ottenere l’assegnazione di una rendita provvisoria, compilando un questionario e presentandolo agli uffici del Catasto stesso. Salvo limitate revisioni le rendite attualmente in vigore sono ancora quelle stabilite all’epoca della loro introduzione nel 1992 e incrementate del 5% dalla Finanziaria 1997.

Restituzione deposito cauzionale

Il deposito cauzionale viene restituito al termine della locazione previa verifica dello stato dell’unità immobiliare.

Ricorso

L’istanza presentata ad una autorità giudiziaria amministrativa da chi ha un interesse diretto ed attuale ad ottenere l’annullamento, la revoca o la riforma di un atto amministrativo.

Ristrutturato

Significa che l’appartamento è abitabile subito senza necessità di opere murarie. Il termine si può correttamente usare quando l’appartamento necessita di tinteggiatura. Se l’appartamento necessita di opere interne ma il condominio ha ben tenuto l’edificio si può scrivere ristrutturato nelle parti comuni.

Rogito

L’atto con cui il notaio trasferisce la proprietà dell’immobile. Può essere redatto sotto forma di atto pubblico o di scrittura privata, con firma autenticata. La parcella del notaio è saldata sempre dal compratore, che però in genere ha il diritto di scegliere il professionista cui rivolgersi.

Spese di registrazione

Art. 8 equo canone: (Spese di registrazione)
Le spese di registrazione del contratto di locazione sono a carico del conduttore e del locatore in parti uguali.

Spread

Maggiorazione sul parametro di riferimento applicato dalla banca per determinare il tasso di un mutuo variabile.

Sfratto

Procedura con cui si chiede l’intervento dell’ufficiale giudiziario e della forza pubblica per liberare la casa da un inquilino. Si può chiedere per tre ragioni: necessità, morosità, fine locazione.

Stato civile

Lo status della persona relativamente all’istituto giuridico del matromonio.

Sunia

Sindacato degli inquilini.

Terrazzo

Deve essere profondo almeno due metri e avere una superficie di almeno una decina di metri; per un’area un po’ più piccola si può usare il termine terrazzino. Per una superficie meno profonda di due metri si usa termine balcone. La veranda, infine, è un balcone o un terrazzo chiuso da finestre. Siccome rappresenta un aumento della volumetria dell’appartamento, deve esserci un condono edilizio che ne permetta l’esistenza.

TUS

(Tasso ufficiale di sconto) Il tasso che la Banca d’Italia chiede alle banche per regolare le transazioni a breve termine. Dal 1° gennaio 1999 è uguale al tasso di sconto stabilito dalla Bce per l’Euro. Serve, seppure raramente, come base per il calcolo delle variazioni dei mutui.

Ufficio del registro

Ufficio dove va registrata la costituzione di un diritto reale e l’iscrizione di garanzie ipotecarie su ogni tipo di immobile.

Usufrutto

Diritto reale che consiste nella possibilità di godere di un bene pur non possedendone la proprietà. La sua durata può essere determinata o indeterminata. Quasi sempre però dura fino alla morte dell’usufruttuario, che nel frattempo dovrà pagare tutte le imposte. In campo immobiliare si ricorre spesso, in alternativa all’usufrutto, al diritto di uso e di abitazione che, essendo diritti personali e non reali, non possono essere ceduti a terzi.

UTE

Ufficio tecnico erariale. E’ l’Ufficio incaricato, fra l’altro, di attribuire alle unità immobiliari le rendite catastali.

Valore catastale

Serve come base per il pagamento di tutte le imposte sulla compravendita (registro, Iva, imposte ipotecarie e catastali) e dell’Ici, l’imposta annuale che si paga ai Comuni. Il valore catastale è costituito dalla rendita catastale moltiplicata per 100. Con due eccezioni: nel caso di negozi (cat. C1) la rendita si moltiplica per 34. Nel caso di uffici (cat. A10) invece si moltiplica per 50.

Vano (di abitazione)

Lo spazio coperto, delimitato da ogni lato da pareti (in muratura, legno o vetro) anche se qualcuna non raggiunge il soffitto. La parete interrotta da notevole apertura (arco e simili) è considerata come divisorio di due vani, salvo che uno di essi, per le piccole dimensioni, non risulti parte integrante dell’altra.

Visura

Ispezione dei documenti.
In campo immobiliare si effettua di norma la visura catastale, al Catasto, sulla regolarità urbanistica dell’immobile, e la visura ipotecaria alla Conservatoria de registro, per controllare che sull’immobile non siano state trascritte ipoteche.