Scopri il dizionario di Italia Affitti con i principali termini legati al mondo del Franchising immobiliare

Bacino di utenza: area di attrazione commerciale chiaramente definita e calibrata per rendere remunerativo l’investimento fatto dall’affiliato nel punto di vendita in franchising. È generalmente valutato in migliaia di abitanti.

Brevetto: si tratta di un diritto di sfruttamento esclusivo che lo Stato conferisce al titolare del brevetto permettendo a quest’ultimo di proibirne la fabbricazione, la commercializzazione e l’uso della sua invenzione per un periodo limitato.

Business plan: è il documento che contiene il piano di sviluppo di un’attività imprenditoriale, ossia una descrizione dell’attività, dei prodotti, dell’organizzazione e del mercato competitivo in cui opera, l’individuazione degli obiettivi e delle finalità da perseguire, fino all’analisi della sua fattibilità finanziaria (pianificazione dei finanziamenti e verifica della loro fattibilità).

Codice Deontologico: contiene le norme di comportamento che il Franchisor accetta all’atto dell’adesione all’associazione, impegnandosi a rispettarle, adattando, di conseguenza, il proprio contratto e il proprio sistema di affiliazione.

Contratto di Franchising: è solitamente redatto da parte dall’affiliante, tenendo anche conto della legislazione vigente in materia. Fissa i diritti e le obbligazioni delle due parti (affiliante e affiliato) definendo canoni e modalità operative della formula proposta all’affiliato.

Franchising di servizi: sistema nel quale il franchisor non vende alcun prodotto ma mette a disposizione dell’affiliato le sue conoscenze tecniche messe a punto e sperimentate previamente.

Esclusività territoriale: l’esclusività giustificata dal fatto che la concessione del contratto di franchising ed il trasferimento del know-how e dell’immagine di marca sono limitati ad un territorio ben preciso. Con l’esclusività l’affiliante s’impegna a non concedere altre affiliazioni nell’area affidata all’affiliato e a non nominare altri affiliati o installare negozi diretti.

Fee (Diritto di Entrata): compenso che il Franchisor chiede al Franchisee alla firma del contratto e che costituisce il corrispettivo pagato per accedere al pacchetto di franchising e per usufruire dei servizi offerti dal Franchisor.

Franchisee (Affiliato): imprenditore che, attraverso un contratto, aderisce al sistema di franchising, impegnandosi a gestire il proprio ufficio vendita secondo precise regole operative.

Franchising (Affiliazione): forma di collaborazione fra due imprese indipendenti. Una cede il diritto di usare la propria formula commerciale e i segni distintivi all’altra in cambio del pagamento di un corrispettivo economico. Tale collaborazione viene sancita tramite un contratto.

Franchisor (Affiliante): imprenditore che, messo a punto un sistema imprenditoriale e cedendo ad altri il suo know-how, si assume il compito di controllarne il funzionamento.

Immagine di marca: l’insegna, il marchio, la grafica, gli arredi interni del negozio, le luci ed i colori, gli imballaggi, l’omogeneità dei prodotti offerti o dei servizi forniti alla clientela, ed ogni altro segno distintivo, fanno l’immagine di marca degli affiliati.

Insegna: l’insegna di un franchising conferisce al network un’immagine univocamente riconoscibile al pubblico; essa solitamente esposta all’esterno dei locali del punto operativo.

Know-how: è insieme delle tecniche, delle conoscenze, dei metodi originali concepiti e sperimentati dall’affiliante per la commercializzazione dei prodotti o dei servizi. Il Know-how non può essere protetto come i marchi ed i brevetti e come tale usato con segretezza e trasmesso a titolo oneroso.

Lay-out del punto vendita: è l’immagine standard che il franchisor disegna per i vari punti affiliati cosicché abbiano una riconoscibilità ed identificabilità univoca.

Manuale operativo: è un documento riservato che viene consegnato all’affiliato alla firma del contratto. Tale documento contiene gli elementi organizzativi ed operativi del network, con riferimento specifico alle modalità di erogazione di un servizio e/o vendita di un prodotto. Il Manuale permette all’affiliato di usufruire di tutta l’esperienza maturata negli anni dall’affiliante e di raggiungere in tempi brevi la piena operatività.

Marchio: un marchio, costituito da un emblema, simbolo, “design” o da una denominazione, mira a identificare i beni o servizi di un’impresa e a differenziarli da quelli dei concorrenti.

Master Franchisee: figura di Franchisee che ha ottenuto per contratto il diritto di ricercare e nominare dei sub-franchisee nell’area dei quali ha l’esclusiva e dei quali assicura il controllo. Tale figura di Franchisee è talvolta utilizzata dal Franchisor per espandersi sui mercati esteri.

Package: È il complesso unitario di tutti i diritti, beni materiali e immateriali, tecnologie, metodologie e procedimenti, presenti e futuri, di pertinenza della società Franchisor.

Royalities o canone di Affiliazione: somma in denaro, solitamente calcolata in percentuale del fatturato e corrisposta periodicamente, mediante la quale il Franchisee remunera il Franchisor per tutte le prestazioni continuative fornitegli durante la vita del contratto (assistenza tecnica, formazione, assistenza legale, pubblicità di immagine).

Segni distintivi: marchio di impresa, insegna, logo, etc. ovvero tutti quegli elementi che distinguono un’azienda e richiamano l’attenzione del pubblico. I segni distintivi sono ritenuti di massima importanza nel rapporto di franchising.

Unità pilota: punto vendita di prova, generalmente, ma non necessariamente, di proprietà dello stesso Franchisor. È estremamente utile per mettere a punto il proprio programma di franchising e per tenerlo costantemente aggiornato in relazione all’andamento del mercato.

Zona di competenza: rappresenta il territorio che l’affiliante concede per contratto all’affiliato per lo sfruttamento commerciale.